Post in evidenza

Introduzione ai personaggi-esempio di creazione del personaggio

Ho provato a creare un personaggio durante il podcast per mostrare il concetto dei livelli del personaggio.

In effetti, dalla creazione di un personaggio come questo, si creano già degli spunti per delle storie, sarebbe interessante continuare l’esperimento di creazione per vedere dove ci porterà.

introduzione ai personaggi
Post in evidenza

Arco di crescita-l’evoluzione del personaggio

In questo podcast parlo di arco di crescita del personaggio. Si tratta di uno degli aspetti più importanti nella creazione del personaggio. Parliamo di quell’aspetto del personaggio che collega il personaggio alla trama, ne costituisce in buona parte il terzo livello, quel livello del personaggio che rende il personaggio tridimensionale.

La musica del podcast, come sempre è
“They Say” licenza CC0

arco-di-crescita

Libri consigliati

K.M.Weiland- Creating Character Arcs- Pen for A Sword

Dora Marks – L’arco di trasformazione del personaggio – Dino Audino Editore

Post in evidenza

Come non farsi pubblicare – prima parte

Un post (e podcast) provocatorio e un po’ antipatico.

Dovevo farlo, prima o poi doveva capitare. Raccolgo gli errori più comuni che capitano agli aspiranti autori, quegli errori che, spesso pregiudicano una loro pubblicazione pur in presenza di un buon testo.

In altre parole fate esattamente il contrario degli errori che vi presento.

E state tranquilli, almeno uno o due di quegli errori, li abbiamo fatti tutti, almeno una volta.

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

come-non-farsi-pubblicare-parte-1
Post in evidenza

il conflitto interno- approfondimento dei personaggi

Il conflitto interno

citazioni

Di che cosa hai paura? Fobie dalla A alla Z

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Post in evidenza

Il conflitto- il sale della storia

Il conflitto

citazioni

Di che cosa hai paura? Fobie dalla A alla Z

Omero- Iliade

Troy di Wolfgang Petersen

Agorà di Alejandro Amenábar

Deep Impact di Mimi Leder

Armageddon di Michael Bay

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Post in evidenza

Personaggi e archetipi-prima parte

citazioni

James Bond di Ian Fleming

Jung- Tipi psicologici

Shrek di Andrew Adamson, Vicky Jenson

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Peronaggi e archetipi prima parte
Post in evidenza

Il concept

Primo di una serie di podcast riguardanti le mie riflessioni o altro sulla scrittura. Questa volta si parla del concept.

 

I testi citati:

I libri della serie di Harry Potter di J.K.Rawling

Il codice Da Vinci di Dan Brown

I libri che hanno come protagonista Miss Marple di A. Christie

La trilogia di Paper Magician di Charlie N. Holmberg

I libri che hanno protagonisti i gatti Koko e YumYum di Lilian Jackson Braum

i libri che hanno come protagonista Richard Castle di Tom Straw

Film consigliato:

Sliding Doors di Peter Howitt

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Antagonista: cliché da evitare

wpid-wp-1423911447726.png

Qualche mese fa avevo già discusso l’importanza che la creazione di un buon antagonista riveste nella credibilità della nostra storia. Ca va sans dire che vanno evitati molti, cioè tutti, i cliché, a meno che non siano voluto per creare un senso di grottesco.

1^ cliché: l’aiutante dell’antagonista: niente gobba o altre deformità di varia natura: il romanzo gotico li ha già esplorati ampiamente. Naturalmente non deve nemmeno chiamarsi Igor…

2^ cliché: discorsi roboanti. Ormai non vengono più usati nemmeno nei racconti per bambini. Cosa dovrebbe fare il protagonista durante il discorso? Ovviamente non sarà in estatica ammirazione dell’eccelsa mente dell’antagonista. Cercherà di liberarsi dell’antagonista, soprattutto se questi, nel suo discorso, spiattella bellamente il suo piano…

3^ cliché: rivelazione del piano. Legato al precedente, se durante il discorso roboante l’antagonista spiattella il suo piano, al protagonista, beh, oltre al fatto che il protagonista ha un motivo per ascoltare l’antagonista, e ci sta, è stupido. È vero che dobbiamo in qualche modo rivelare il piano malvagio, ma questo è il modo più farsesco fra quelli possibili. In più vi ricordo l’equazione che vi ho già presentato in un post precedente: antagonista stupido = protagonista stupido. Sarebbe un comportamento stupido da parte dell’antagonista perché se il protagonista dovesse liberarsi, come di solito accade, prima che il piano dell’antagonista si sia completamente compiuto, avrebbe svelato tutto e il modo per mandare tutto all’aria.

4^ cliché: “sto per uccidere la tua fidanzata (o madre/padre/amica d’infanzia).
La motivazione che l’antagonista dà al protagonista per fare ciò che l’antagonista vuole è importante, non è sempre necessaria, ma quando c’è non dovrebbe essere quella usata da troppe storie. Questa lo è.

5^ cliché: “bene, bene… Cosa abbiamo qui?” frase sentita milioni di volte… Non la usa più nemmeno Gambadilegno nei film di Topolino… Possiamo evitarla. Anzi, dobbiamo evitarla.

6^ cliché: coinvolgere l’eroe in una sfida di intelligenza
A volte è l’eroe a coinvolgere l’antagonista in questo tipo di sfide per guadagnare tempo… Già visto, già usato da tanto, anche questo è un cliché, quindi è da evitare.

7^ cliché: l’antagonista che gongola nella vittoria. Troppo presto.
Ormai non viene usato nemmeno più nelle storie per bambini, e sapete che i bambini hanno bisogno dei cliché, non è un caso che ci costringerebbero a vedere lo stesso file decine di volte fin quando non anticipano le battute (tutte le battute) e le scene.
Il protagonista, grazie al sudore dell’autore, riesce a uscire dalle situazioni più improbabili. L’antagonista che festeggia e il protagonista che gli rovina la festa è ormai un classico.

8^ Cliché: voltarsi quando il protagonista dice “guarda dietro di te”.
Un antagonista con un minimo di serietà capisce che è un diversivo del protagonista per guadagnare tempo. È l’unico caso in cui la risposta dell’antagonista può essere una risata, non malefica, ma beffarda…

9^ cliché: cacciare l’eroe in una trappola elaborata e poi abbandonarlo (dandogli la possibilità di venirne fuori)
Chiaro che l’antagonista si allontana per dare l’ultimo tocco alla trappola, mettere a posto l’ultimo tassello, ma risulta anche questa un’azione stupida, senza contare che più il piano è elaborato, più ci sono variabili in gioco, quindi più cose che possono andare storte. Non è un segno di intelligenza da parte dell’antagonista concepire un piano elaborato, ma è un segno di insicurezza o di “non ho nient’altro di cui occuparmi”. Il piano migliore è quello semplicemente geniale.

10^ cliché: risata malefica… Cioè, capiamoci… Solo Disney può. Non perché sia lui, ma per il discorso fatto prima sul rapporto bambini-cliché.

Il seguito del podcast è a questo indirizzo.

Ebook- Di che cosa hai paura?

La mia serie di post che riguardavano le paure che possono affliggere un personaggio è finalmente diventata un ebook.

Sarà successivamente trasformata in un cartaceo quando alle paure si aggiungeranno anche altri ostacoli che affliggono il personaggio.

In vendita su amazon e diversi altri store on line.

Titolo: Di che cosa hai paura?
Autore: Elisa Baricchi
Casa editrice: Decima Musa Edizioni(BF Publishing)
Collana: Polimia
Costo: 1,03

Il testo nasce da una serie di post pubblicati sul mio sito che sono stati poi collegati in maniera organica in questo ebook. Creare i personaggi è l’avventura più bella e al contempo più difficile del processo di scrittura. Dare vita ad una nuova persona che possa essere completa e sostenere da sola (o quasi) la storia, sembra un processo facile, ma spesso rivela delle insidie, questo ebook (e quelli che seguiranno) hanno lo scopo di aiutare chi scrive a non commettere errori evitabili.

Personaggi e archetipi- seconda parte

Personaggi e archetipi seconda parte

citazioni

James Bond di Ian Fleming

Jung- Tipi psicologici

Shrek di Andrew Adamson, Vicky Jenson

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0