Post in evidenza

Ideare un libro- le basi

Questo podcast avrebbe dovuto essere fra i primissimi, se avessi scelto di seguire un ordine “didattico”. Ma ho scelto di tenere un approccio più discorsivo. Tratto l’argomento nei temi generali.

La musica, come sempre è “They Say” licenza CC0

ideare un libro
Post in evidenza

Software per la scrittura

Esploro in questo podcast alcuni software che aiutano gli scrittori ad organizzare il testo, senza perdersi. Di seguito ci sono i link ai produttori dei software, per provarli, vederli, farsi un’idea.

Scrivener

YWriter

Bibisco

Vellum (solo per Mac)

Ulysses (solo per Mac)


La musica del podcast, come sempre è
“They Say” licenza CC0

Questa è la prima parte del post, la seconda potete trovarla qui.

Post in evidenza

Stampare e pubblicare, c’è differenza!

Questa volta voglio fare chiarezza sulla differenza fra stampare e pubblicare.

Spesso sui gruppi di scrittura trovo persone che confondono le due cose, o non hanno ben chiaro quali siano i paletti della pubblicazione.

stampare e pubblicare

La musica del podcast, come sempre è
“They Say” licenza CC0

Post in evidenza

Introduzione ai personaggi-esempio di creazione del personaggio

Ho provato a creare un personaggio durante il podcast per mostrare il concetto dei livelli del personaggio.

In effetti, dalla creazione di un personaggio come questo, si creano già degli spunti per delle storie, sarebbe interessante continuare l’esperimento di creazione per vedere dove ci porterà.

introduzione ai personaggi
Post in evidenza

Arco di crescita-l’evoluzione del personaggio

In questo podcast parlo di arco di crescita del personaggio. Si tratta di uno degli aspetti più importanti nella creazione del personaggio. Parliamo di quell’aspetto del personaggio che collega il personaggio alla trama, ne costituisce in buona parte il terzo livello, quel livello del personaggio che rende il personaggio tridimensionale.

La musica del podcast, come sempre è
“They Say” licenza CC0

arco-di-crescita

Libri consigliati

K.M.Weiland- Creating Character Arcs- Pen for A Sword

Dora Marks – L’arco di trasformazione del personaggio – Dino Audino Editore

Post in evidenza

Come non farsi pubblicare – prima parte

Un post (e podcast) provocatorio e un po’ antipatico.

Dovevo farlo, prima o poi doveva capitare. Raccolgo gli errori più comuni che capitano agli aspiranti autori, quegli errori che, spesso pregiudicano una loro pubblicazione pur in presenza di un buon testo.

In altre parole fate esattamente il contrario degli errori che vi presento.

E state tranquilli, almeno uno o due di quegli errori, li abbiamo fatti tutti, almeno una volta.

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

come-non-farsi-pubblicare-parte-1
Post in evidenza

il conflitto interno- approfondimento dei personaggi

Il conflitto interno

citazioni

Di che cosa hai paura? Fobie dalla A alla Z

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Post in evidenza

Il conflitto- il sale della storia

Il conflitto

citazioni

Di che cosa hai paura? Fobie dalla A alla Z

Omero- Iliade

Troy di Wolfgang Petersen

Agorà di Alejandro Amenábar

Deep Impact di Mimi Leder

Armageddon di Michael Bay

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Post in evidenza

Personaggi e archetipi-prima parte

citazioni

James Bond di Ian Fleming

Jung- Tipi psicologici

Shrek di Andrew Adamson, Vicky Jenson

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Peronaggi e archetipi prima parte
Post in evidenza

Il concept

Primo di una serie di podcast riguardanti le mie riflessioni o altro sulla scrittura. Questa volta si parla del concept.

 

I testi citati:

I libri della serie di Harry Potter di J.K.Rawling

Il codice Da Vinci di Dan Brown

I libri che hanno come protagonista Miss Marple di A. Christie

La trilogia di Paper Magician di Charlie N. Holmberg

I libri che hanno protagonisti i gatti Koko e YumYum di Lilian Jackson Braum

i libri che hanno come protagonista Richard Castle di Tom Straw

Film consigliato:

Sliding Doors di Peter Howitt

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0

Quanto deve essere lungo un romanzo?

Cominciamo col dire che la lunghezza di un testo non si misura in pagine, ma in cartelle, o meglio in battute, cioè in “caratteri”. In Italia. In America si misura in numero di parole.
In Italia una cartella corrisponde a 30 righe da 60 caratteri ciascuna. In pratica 1800 caratteri, spazi inclusi. Semplice, no? Certamente, se non fosse che per alcune case editrici la cartella corrisponde a 2000 battute. Quindi è meglio chiedere, o se si tratta di un bando di concorso, leggere bene. Ad esempio il bando della Harlequim di qualche giorno fa, indicava le cartelle minime che il testo doveva avere e indicava anche il fatto che si intendevano cartelle da 2000 battute ciascuna.
Che si tratti di cartelle da 1800 o da 2000 battute, un dato non varia: si intendono sempre “spazi inclusi”.

Classificazione delle opere in base alla lunghezza
Viene definito racconto tutto ciò che non supera le 50 cartelle (da 1800 o 2000 battute poco importa), si definisce racconto breve quello che non supera le 5 cartelle.
I racconti sembrano avere poca fortuna sui canali tradizionali (editoria cartacea), a meno che non si tratti di un raccolta di racconti che arriva alla lunghezza di un romanzo tradizionale, le ragioni sono facilmente immaginabili: l’impianto di stampa ha un costo che non viene ammortizzato per un racconto, che non potrebbe essere venduto ad un prezzo elevato…
Hanno invece miglior fortuna sull’editoria digitale che ha costi gestionali minori e prezzi di vendita più bassi. Ci sono anche alcuni canali, o meglio piattaforme, che pubblicano racconti più o meno brevi per lettori che leggono sui mezzi pubblici; una nuova frontiera e una nuova palestra, dunque.
Per quanto riguarda i romanzi, ovviamente si va dalle 50 cartelle in su, tenendo conto che un romanzo normale si aggira intorno alle 150 – 200 cartelle, quindi 50-100 cartelle sono l’equivalente di un romanzo breve. Resta da trovare la definizione di romanzo per le opere comprese fra le 101 – 149 cartelle, ammesso che serva trovarla, ovviamente!

Conversione battute/numero parole
Questa parte riguarda chi frequenta siti e blog americani, come dicevo prima, gli scrittori americani calcolano la lunghezza di un romanzo in base al numero di parole, se qualcuno di voi volesse partecipare al NaNoWriMo (ne parleremo) dovrà letteralmente fare i conti con il numero di parole.
Ho fatto un po’ di calcoli utilizzando come base diversi miei testi e, statisticamente, una parola italiana è mediamente formata da 5 caratteri (+ uno spazio) il che porta il rapporto parole/caratteri= 1/6. Quindi se ho scritto un testo di 300 parole avrò scritto una cartella  (da 1800 battute).

Come calcolo le battute
Fortunatamente tutti o quasi i programmi di scrittura ci aiutano in questo in un modo o nell’altro. Quando vi recensisco le app di scrittura vi indico sempre se c’è la possibilità del calcolo. A volte l’hanno in solo sistema, solo caratteri o solo parole, più spesso in entrambi. C’è poi un’app, writeometer, di cui vi parlerò più avanti, che ci aiuta a tenere il calcolo dei progressi fatti.
Per word si trova in revisioni, ma fidatevi, il mio veeeechio Mac (del 1993) l’aveva nel programma di scrittura.

Lunghezze americane
Non ci riguardano a meno che non si intenda sbarcare oltreoceano con la propria opera, ma in caso è meglio saperlo.
Storia breve: fino a 7500 parole
Racconto: 7500 – 18000 parole
Romanzo breve (Novella): da 18000 fino a 50000 parole
Romanzo normale: oltre le 50000 parole, solitamente però si tratta di  100000 – 110000 parole
In questo caso è inutile fare i conti di conversione, dato che se intendete usarlo per sbarcare oltreoceano, dovrete necessariamente tradurre il vostro testo in inglese e il rapporto parole/caratteri varia da una lingua all’altra.

Giusto per la cronaca, questo testo è formato da 592 parole.

lunghezza opere (online-audio-converter.com)

Il brano musicale in sottofondo è “They Say” licenza CC0