wpid-wp-1423911152408.png

You don’t really understand an antagonist until you understand why he’s a protagonist in his own version of the world.

“Non capirai mai un antagonista finché non capirai che è un protagonista nella sua versione del mondo“

In un precedente post avevo detto che la motivazione per cui l’antagonista faceva ciò che faceva era importante. La motivazione del “perché è cattivo” è un cliché che lascia il tempo che trova.
In molti casi l’antagonista non è personificato, magari è una calamità naturale o è il mare o la montagna… Ma in tante altre situazioni l’antagonista è un essere o un gruppo di esseri umani.
Per meglio capire le motivazioni dell’antagonista, dobbiamo “metterci nei suoi panni”, vedere le cose dal suo punto di vista, almeno per il tempo in cui lo costruiamo. Corriamo il rischio di farci piacere più l’antagonista che il protagonista, ma pazienza…
Vediamo una serie di motivi per cui l’antagonista contrasta il protagonista.
1) amore: l’antagonista vuole sposare la stessa persona che intende sposare il protagonista.
2) vendetta: l’antagonista vuole rovinare il protagonista per vendicare qualche torto passato.
3) distinzione: l’antagonista vuole avere dei riconoscimenti, rispetto o vuole distinguersi in qualche modo.
4) desiderio di essere accettato: simile al precedente, ma in questo caso l’antagonista vuole essere accettato in un particolare gruppo e il protagonista si trova sulla sua strada, a intralciarla o è il gruppo del protagonista quello in cui il protagonista intende essere accettato.
5) giustizia: l’antagonista ha subito un torto da parte del protagonista o da parte di qualcun altro e vuole avere giustizia. Simile a vendetta, ma la distinzione è sottile…
6) avarizia: arricchirsi o rubare tutto il tesoro del mondo…
7)paura: la paura di quello che potrebbe succedere se il protagonista continuasse per la sua strada.
8) disperazione: l’antagonista ha una deadline a breve, sa che ha poco tempo per fare ciò che deve altrimenti qualcosa di terribile (per lui o per tutti) avverrà.
9) coesione sociale: l’antagonista appartiene ad un gruppo o è un gruppo di persone che per qualche motivo deve stare unito o per auto conservarsi o per raggiungere qualche scopo.
10) desiderio di migliorarsi: l’antagonista parte da una condizione svantaggiata (povertà, isolamento sociale…) e vuole arrivare alla condizione migliore in assoluto
11) il potere come mezzo per sé stessi: l’antagonista vuole il potere per cambiare le cose a suo favore.
12) scappare dal proprio destino: l’antagonista ha il destino segnato da una profezia o visione o richiesta, ma vuole evitarla, quindi sta cercando di evitare il proprio destino compiendo azioni che impediscano al destino di compiersi.
13) seguire il proprio destino: simile a quello di prima, ma in questo caso l’antagonista segue il proprio destino senza contrastarlo.
14) persecuzione: l’antagonista si sente perseguitato (dalla sorte, dal protagonista, da un’altro personaggio) e si comporta di conseguenza.
15) rivalità: sia l’antagonista che il protagonista vogliono la stessa cosa.
16) Scoperta: l’antagonista desidera scoprire il segreto del protagonista o di quale altro personaggio per usarlo contro di lui ( o a suo vantaggio in altro modo)
17) ambizione: l’antagonista vuole tutto ciò che è possibile avere e anche quello che non è possibile.
18) sopravvivenza: l’antagonista si trova in una condizione difficile e per uscirne è disposto a tutto, senza mezzi termini.
19) auto sacrificio: anche se appare strano che un’azione come un auto Sto arrivando! Rificco possa essere una motivazione per un antagonista dobbiamo sempre metterci nei suoi panni: se si sentisse l’unico in grado di salvare la città da un tiranno?
20) amore: sembra strano, ma anche l’amore, soprattutto se interpretato in maniera un po’ anomala, può essere una motivazione per un antagonista.
21) odio: forse la più semplice fra le cause, o almeno la più semplice da immaginare
22) cospirazione: una società più o meno organizzata, più o meno segreta per sventare il piano del protagonista o di altri personaggi..
23) onore: l’antagonista agisce per mantenere alto il suo onore
24) disonore: l’antagonista sente si essere privo di onore per qualcosa che è successo in passato o per la sua condizione e agisce in accordo con questa immagine che ha di sé (e/o che gli altri hanno di lui)
25) affetti innaturali: l’antagonista intende legarsi ad un personaggio per arrivare al cuore (o al letto) di un altro.
26) catastrofe: l’antagonista approfitta di una catastrofe per trarne vantaggio.
27) dolore e perdita: l’antagonista ha subito una perdita che gli ha causato dolore. Non crede più nel fare il bene e vuole solo far provare agli altri il dolore che prova lui.
28) ribellione: l’antagonista si ribella ad una situazione o al dominio del protagonista o di uno dei personaggi.
29) tradimento: l’antagonista si sente tradito dal protagonista o da qualche altro personaggio della storia e si comporta di conseguenza
30) spargere odio e paura: il protagonista è un sadico che adora infliggere paura, odio e dolore
31) corrompere chiunque: solitamente la corruzione è un mezzo, non una motivazione fine a sé stessa, ma potrebbe essere una motivazione se il personaggio vuole dimostrare qualcosa corrompendo.
32) controllare i ragazzi: l’antagonista potrebbe essere i sofferente verso i bambini o i giovani in generale, per cui potrebbe essere infastidito (e prendere provvedimenti) nei confronti di tutti quelli al di sotto di una certa fascia d’età
33) desiderio di essere lasciato in pace: l’antagonista voleva starsene tranquillo per i fatti suoi, ma è stato disturbato… Beh, non possiamo pretendere che la prenda con filosofia.
34) ritrovare qualcosa di scomparso o di perduto:
35) salvare l’umanità: non è detto che l’antagonista sia dedito solo a cose malvagie, potrebbe essere che per salvare l’umanità intenda contrastare/ eliminare un gruppo che, nella sua ottica, rappresenta una minaccia
36) servire un padrone: l’antagonista potrebbe essere agli ordini di qualcun altro o esservi legato e quindi agire in difesa o in favore o agli ordini di un personaggio in particolare. Il protagonista potrebbe essere di un’altra squadra.
37) distruzione: l’antagonista adora la distruzione o per qualche ragione vuole radere al suolo un’area.
38) desiderio di governare una parte del mondo: uno stato, una nazione, una razza….
39) governare il mondo:  perché limitare le proprie aspirazioni?

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.