di Alan Bradley Flavia de Luce e il cadavere nel camino

1952. Flavia de Luce – grandissima esperta di veleni con un talento sherlockiano per chimica e delitto – ormai ha 12 anni e dall’Inghilterra viene spedita a Toronto, dove proseguirà gli studi presso la stessa Accademia femminile frequentata a suo tempo dalla madre Harriet. Nonostante il trasferimento in Canada non sia particolarmente gradito a Flavia, la nuova scuola le promette la concreta possibilità di penetrare nel mistero che circonda la figura della madre. E se questo non bastasse, appena sistemata nella sua camera di collegiale, dal camino piomba giù, avvolto nella bandiera dell’Union Jack, un cadavere mummificato. La piccola investigatrice si mette all’opera.
Sembra che Alan Bradley, il creatore di questa serie su un’argutissima adolescente detective, sappia così bene cos’è un’inglese, cos’è un college carico di tradizioni, cos’è un investigatore e cosa pensa una dodicenne, da miscelarli senza paradosso in misteri carichi di brume e di suspense stilizzata in cui il lettore si sente direttamente al cospetto della disarmante, innocente e provocatoria ironia di una ragazzina.

La dodicenne Flavia de Luce, dopo tante avventure, è ormai un’esperta dell’indagine scientifica.
Ma la nuova rete di enigmi che l’attende è piombata molto lontano dal laboratorio di chimica dove ama passare le giornate nel castello malconcio della sua famiglia decaduta. Il colonnello suo padre e zia Felicity, per ragioni poco chiare, hanno imposto che si iscrivesse all’Accademia Femminile della signorina Bodycote. L’Accademia è in Canada, a un Oceano di distanza dal caro Bishops Lacey, il piccolo villaggio dove sorge Buckshaw, la magione degli avi. Anche la madre Harriet studiò in quel vecchio college, dove la sua memoria è venerata da quando morì in Tibet misteriosamente. Le regole sono ferree, le istitutrici rigide come sergenti, e le compagne più o meno nevrotizzate dalla disciplina, però Flavia è un osso duro e facilmente comincia a conquistarsi una certa leadership.
All’improvviso davanti agli occhi di Flavia si apre la scena di una collegiale priva di sensi accanto a un cadavere mummificato e avvolto in una bandiera. Con la testa staccata dal corpo, è crollato giù dal camino spinto da chissà cosa. È un lampo, cui segue una grande confusione e l’arrivo della polizia. Flavia trova il tempo di osservare l’essenziale. Per fortuna la sua travolgente curiosità non incontra ostacoli da parte del simpatico ispettore di polizia incaricato, che non ha obiezioni ad averla in mezzo ai piedi, ma intanto cominciano a sparire ragazze. La plumbea nebbia di paura che scende tra quelle stanze, favorendo ogni tipo di sospetto tra i dimoranti, spinge la piccola Flavia ad affondare di più lo sguardo tra i vecchi segreti dell’Accademia, a interrogarsi sui motivi nascosti che hanno deciso la sua famiglia a mandarla lì. E alla fine scoprirà cosa vuol dire veramente essere la figlia di sua madre.
Sembra che Alan Bradley, il creatore di questa serie su un’argutissima adolescente detective, sappia così bene cos’è un’inglese, cos’è un college carico di tradizioni, cos’è un investigatore e cosa pensa una dodicenne, da miscelarli senza paradosso in misteri carichi di brume e di suspense stilizzata in cui il lettore si sente direttamente al cospetto della disarmante, innocente e provocatoria ironia di una ragazzina.
Titolo: Flavia de Luce e il cadavere nel camino
Autore: Alan Bradley
Traduzione dall’inglese: Alfonso Geraci
Titolo originale: As chimney sweepers come to dust
Editore: Sellerio
N° pagine: 432
Genere: romanzo
Costo cartaceo: 15,00
Costo ebook: 9,99
EAN: 9788838937187

Per Flavia de Luce, argutissima adolescente detective, intrighi e segreti pieni di suspense in un college canadese carico di tradizioni frequentato a suo tempo dalla madre Harriet. È l’occasione per penetrare nel mistero che circonda la sua figura, e Flavia non se la lascerà scappare!

«Nelle pagine di Bradley contano la sapienza dell’intreccio, l’ironia, il riferimento alle migliori tradizioni del “giallo”. E lo scatto di fantasia. Ottima detective story. Nelle mani di una ragazzina» (Antonio Calabrò, Il Piccolo).

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.